Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 2 maggio 2014

4 maggio tappa in Friuli del “NO TAV TOUR 2014″


COLPEVOLI DI RESISTERE !

Domenica 4 maggio tappa in Friuli del “No Tav Tour 2014″a San Giorgio di Nogaro ore 17,00 a Villa Dora
con la partecipazione di Luca Abbà

Il 22 maggio. a Torino si aprirà il processo a carico di Chiara, Claudio, Mattia e Niccolò accusata/i di terrorismo per il sabotaggio di un compressore.
Attraverso l’accusa di terrorismo contro alcun* NO TAV si vogliono colpire tutte le lotte.

Sabato 10 maggio ore 14 (ritrovo in Piazza Adriano)
Manifestazione popolare a Torino
perché
Chi attacca alcuni di noi, attacca tutte e tutti
perché
Le loro bugie, i loro manganelli, le loro inchieste non ci fermano
Resistiamo allo spreco delle risorse, alla  devastazione del territorio, alla rapina su i  salari, le  pensioni e la sanità.

CHIARA, CLAUDIO, MATTIA E NICCOLO’ LIBERA/LIBERI SUBITO !

Movimento no Tav

martedì 29 aprile 2014

Nudo e morto

da ekbloggethiekbloggethi

La fotografia sopra ti mostra, caro lettore di questo blog, nudo e morto. Con alcune misteriose chiazze sul corpo. Dico “lettore” perché dalla foto si evince piuttosto chiaramente che eri di sesso maschile; nulla, però, impedirebbe che tu fossi stata una donna. Eri un essere umano, e un giorno, una sera, una notte qualsiasi li hai incontrati. Avevi, magari, una serata un po' così; ti giravano i coglioni (e di motivi per farseli girare, ce ne sono non pochi sotto questi chiardiluna), ci avevi il magone, oppure ci avevi paura, chissà; ci avevi tutta la tua vita che, in quel preciso momento, aveva deciso di esplodere in qualche modo, in mezzo a una strada. E allora hanno chiamato mezzo mondo, perché scoppiare, in questo mondo di scoppiati, è severamente proibito; ci vogliono le lucine blé che lampeggiano. Quando arrivano, tutti si sentono più al sicuro; e tu, caro lettore, vieni finalmente messo fuori causa per il bene comune ed il pubblico decoro. Stavi arrecando disturbo.
Io non ti conoscevo, caro lettore. In realtà non so minimamente chi eri, sebbene mi abbiano detto che eri nato e abitavi nella mia stessa città. E, poi, non so nemmeno se davvero leggevi questo blog; ma non ha una grande importanza. Il problema è che potresti essere chiunque, e credo che tu te ne renda terribilmente conto anche da nudo e da morto; eri una persona qualsiasi con la tua vita, come tutti coloro che, ad esempio, leggono questo blog. Oppure ne leggono altri. Oppure non ne leggono assolutamente nessuno. Come dirti: può toccare veramente a tutti. Tocca al geometra romano magrissimo e al diciottenne ferrarese; che cosa avranno fatto di così tremendo per meritare di morire? E tutti quegli altri, quali terribili misfatti avranno compiuto per essere spediti tra i più a forza di calci, di botte, di compressioni, di torsioni? Per questo, caro lettore, ti dico che in quella foto ci sei tu; e ci sono anche io. Quando vedo una foto del genere, ultimamente ho preso a immedesimarmi e a dirmi: ehi, Riccardo, guarda un po' come ti hanno conciato. Basta una serata; ma che dico, bastano mezz'ora, dieci minuti per essere cancellato. Spazzato via. Schiacciato. Mi rivedo allora tanti e tanti anni fa, in quella stessa città, vagare per le strade in preda alla disperazione per un motivo qualunque. Mi rivedo in una strada antica, mentre puzzavo agitato e non mi ricordavo quasi neppure come mi chiamavo. E mi ricordo di quando qualcuno mi depose di peso su una barella. E allora sono costretto a dire: soltanto il caso ha impedito che, quel lontano giorno, non arrivassero anche loro, in vena di garantire l'ordine pubblico e di proteggere la cittadinanza. Forse mi è andata bene perché erano le sei del pomeriggio di un giorno di luglio, e non le una e mezzo di una notte di marzo. E così, caro lettore, cara lettrice, può andare bene o può andare male anche a te. Dovremo stare tutti tranquilli, ma in fondo non è neppure detto; quindi guardati, guardiamoci in quella fotografia. Abituiamoci e pensare che siamo noialtri, quel corpo nudo, morto e pieno di chiazze. Avvezziamoci a pensarci mentre guardiamo il telefilmino dove sono tutti buoni, bravi, pieni di premure e salvano il cucciolo abbandonato.
Sono passati quasi due mesi da quando, caro lettore, caro me stesso, ti hanno ridotto in quel modo. Qualcuno mi ha persino chiesto come mai non ne avessi mai parlato, nonostante il fatto sia avvenuto nella mia città e addirittura di fronte all'uscio di casa di una persona che conosco parecchio bene. È perché è un film già visto troppe volte. Non sono passati neppure un paio di giorni, che tutto era già stato escluso; ci sono stati i funerali, poi sono saltate fuori le testimonianze, le telefonate, la famiglia ci ha visto sempre meno chiaro. Ad un certo punto, grazie allo sviluppo tecnologico, abbiamo potuto persino sentire la tua voce, caro lettore, mentre stavi morendo; dicevi di “avere un figlio”, affidando proprio a quel piccolo essere umano la tua estrema speranza di salvezza da chi ti stava rubando la vita. Del tutto inutile, come hai potuto constatare; in quel momento tu sei un problema di ordine pubblico, e quindi devi morire. Ficcatelo quindi nella testa e risparmia il fiato, che è l'ultimo. Invece di nominare tuo figlio, inventati una frase celebre ché è meglio. Toccasse a me? A parte il fatto che di figli non ne ho, comincerò a pensare a qualcosa di adeguato, di solenne, di filosofico da riservare all'istante estremo, mentre mi stanno pigliando a calci e schiacciando inesorabilmente; che so io, “Ehi, sbirro di merda, ti puzzano i piedi!”
Ora comincerà la solita scaletta; quella che tutti voi avete già visto, persino da nudi e da morti. La giustizia che tanto richiedete e richiediamo si esplicherà in anni di dibattimenti, perizie e quant'altro che porteranno al niente; mentre tu, caro lettore, caro me stesso, te ne resterai buono buono, morto e nudo. Ci sarà il non luogo a procedere oppure ci saranno condanne ridicole, che avranno perlomeno il merito di farti fare un paio di risate postume. Diventerai immediatamente una specie di icona, e il tuo nome verrà associato a quello dei tuoi compagni di sventura; avrai i tuoi cortei, le tue manifestazioni, le tue mostre fotografiche dove verrai mostrato, caro lettore, sia da vivo che da morto. La tua famiglia si batterà e cercherà solidarietà, ottenendola in nome della giustizia (sempre lei). Ad un certo punto, ovviamente, dovrai fare i conti con l'immancabile sindacato di polizia, coi fratelli d'italia, col ministro del nuovo centrodestra, centrosinistra, centrocentro, col giornale; intanto, quell'angolo di strada diventerà probabilmente un altarino. Mi spiace, caro lettore, caro me stesso, se penserai che ti sto mancando di rispetto; è tutt'altra la mia intenzione. Ho sempre pensato che la più alta forma di rispetto che si possa avere, consista nel mettere di fronte brutalmente alla realtà in modo da poter agire più efficacemente, anche da morti e da nudi. Da morti e da nudi, anzi, si potrebbe arrovesciare davvero tutto quanto; il problema, come sempre, sono i vivi.
Quei vivi, ad esempio, che non hanno generalmente ben presente il nòcciolo della questione. Il quale è il seguente, brevissimo: esistono delle persone, organizzate in corpi statali e militari bene armati e bene addestrati, che hanno il monopolio della violenza. Qualsiasi atto di violenza compiuto da te, caro lettore, caro me stesso, è illegale quale che sia la sua natura; ti può quindi portare alla galera, all'ospedale, al cimitero. La violenza dei corpi dello stato, invece, è legale. E' considerata una forma di pubblica protezione e può essere quindi esercitata in regime di esclusiva, seppure regolata dalla cosiddetta “legge”. Non so e non posso sapere come la pensi, caro lettore, caro me stesso, a tale riguardo; però sarebbe bene che tu te ne rendessi conto definitivamente, almeno prima di fare tante geremiadi se i detentori esclusivi della violenza legale ti hanno ammazzato ed anche prima che, da ancora vivo, tu ti accinga a chiamarli magari invocando più legge e più ordine, più “presenza dello stato”, più controllo, più telecamere, più ogni cosa. Può succedere che il giorno prima tu sia al bar con gli amici e che tu dica che hanno fatto bene a manganellare i manifestanti e a schiacciare la ragazzina, e che il giorno dopo ti dia di balta il cervello per cazzi tuoi, e che tu venga pestato e schiacciato a morte da quelli lì. Tutto questo, chiaramente, non proviene dal mondo della luna; fa parte di un ben preciso sistema al quale tu puoi decidere di non dare avallo da vivo per non essere poi costretto a ritrovarti, tra le altre cose, nudo e morto su un tavolo. Hai voglia di farlo, oppure preferisci vivere la tua vita (ivi compresa l'eventuale disperazione di una sera) delegando ogni cosa? Fai un po' tu, caro lettore, caro me stesso.
Per questo e per altri motivi, non intendo riservarti né “dolore”, né “compassione”, ma una lucida rabbia. Non intendo riservarti “richieste di giustizia”, ma metterti ancora di fronte alla realtà che è nuda come te su quel tavolo. Non intendo con questo farti morire due volte, perché è la cosa che regolarmente accade. La mia solidarietà te la do senza giustizie, tribunali, avvocati, galere; te la do indicando chiaramente dove risiede il problema.
Te la do, qualunque sia il tuo nome. Te la do in qualunque luogo e circostanza. Te la do guardandomi bene dall'adoperare la parola “vittima”, perché dobbiamo cessare di essere tali e di incrementare la cultura della vittima. Te la do non invocando “punizioni”, ma il superamento di uno stato di cose che uccide prendendoti anche in giro. “Freddo non ne prende, ha due carabinieri sopra”; e pensa un po', caro lettore, di sentire magari questa frase da qualcuno che ti sta guardando morire, mentre qualcun altro grida "basta, basta" come se esistesse una giusta quantità di morte, una dose che si può somministrare in mezzo ad una strada, una modica porzione di assassinio in nome dello stress statale e dei soliti 1200 euro al mese. 

Te la do con tutta la tua vita e con tutta la tua storia, che ti chiami Riccardo Magherini, o Cesare Pardini, o Franco Serantini. Morto e nudo, nudo e morto. 
Cesare Pardini. Pisa, 27 ottobre 1969. Freddo non ne prese.

Rapporto sulle uccisioni e le torture inflitte dall’occupazione a ragazzini palestinesi durante il 2013

da infopal

arton175603-85fb8Ramallah-Quds Press. Nel suo rapporto annuale, il dipartimento dell’Organizzazione Mondiale per la Difesa dei Bambini dedicato alla Palestina ha rivelato che l’anno scorso le forze d’occupazione israeliane hanno ucciso 31 bambini. Di essi, 5 sono stati uccisi volontariamente mentre gli altri 26 sono morti a causa dell’uso sconsiderato delle armi da fuoco da parte dei soldati di Tel Aviv.
Il rapporto sottolinea come nel 2013 si sia assistito ad un aumento rilevante nel numero degli attacchi sferrati dai coloni israeliani ai danni dei civili palestinesi nei Territori occupati. Tale pratica ha ormai assunto i tratti di una consuetudine giornaliera che ha comportato, nel 2013, il ferimento di 51 bambini palestinesi. Altri 162 sono stati feriti dalle forze d’occupazione.
Si documentano, inoltre, 92 casi di tortura e maltrattamento arrecati a bambini palestinesi (in stato d’arresto o meno) dai soldati dell’occupazione. Un paio di bambini sono stati addirittura usati come scudi umani per proteggere i militari israeliani dal lancio di pietre: è questa una pratica del tutto contraria ai diritti internazionali e persino alla stessa legislazione israeliana. Illegale è stata anche la demolizione, documentata nel rapporto, di cinque abitazioni di civili palestinesi nella Striscia di Gaza e nella città di Gerusalemme.
Il rapporto documenta, inoltre, 9 attacchi sferrati a scuole, e il caso di 7 ragazzini costretti a lavorare in condizioni insostenibili.
Traduzione di Giuliano Stefanoni

Vento ed acqua. El Hierro (Canarie), la prima isola alimentata solo da energie rinnovabili


da blogeko


el hierro (canarie) energia rinnovabile
Potenza del vento, potenza dell’acqua. L’isola di El Hierro nell’arcipelago delle Canarie (Spagna) sta per emanciparsi completamente dalle sporche fonti fossili di energia. I bisogni dei suoi circa 10.000 abitanti e degli energivori impianti di desalinizzazione dell’acqua di mare verranno soddisfatti interamente dalle rinnovabili. Che sono discontinue: ma ad El Hierro un lago – proprio uno specchio d’acqua dolce – sarà utilizzato come “batteria” per stoccare il surplus di energia eolica prodotta quando soffia vento forte e per usarla nei momenti di calma. Il sistema comincerà ad entrare in funzione fra un paio di mesi.
Varie isole, fra cui quella danese di Samsø, hanno imparato a sfruttare al massimo le fonti rinnovabili: ma El Hierro, secondo gli esperti, sarà la prima completamente autosufficiente e scollegata dagli elettrodotti. Il punto chiave del sistema, spiega un articolo di Afp disponibile via Business Insider, sono cinque grandi turbine eoliche installate in un punto elevato dell’isola, caratterizzata da scogliere e picchi.
Nei momenti di punta, le turbine saranno in grado di fornire 11,5 megawatt: molto di più di ciò che serve all’isola e ai suoi impianti di desalinizzazione. L’energia in eccesso servirà per pompare in un bacino situato a circa 700 metri di altezza l’acqua dolce di un lago che si trova al livello del mare.
Nel momento in cui il vento non sarà sufficiente a generare l’energia elettrica necessaria per l’isola, l’acqua di questo bacino verrà incanalata verso il basso per far girare una turbina e produrre energia idroelettrica.
Alla fine di giugno l’impianto, costato 80 milioni di euro, comincerà a funzionare al 50% e raggiungerà il pieno regime nei mesi seguenti. Il passo successivo sarà, almeno nelle intenzioni, convertire ad energia elettrica da fonte rinnovabile tutte le circa 6.000 auto dell’isola.

venerdì 14 giugno 2013

Il Nilo diventa campo di battaglia. Egitto ed Etiopia, la guerra per l’acqua

da blogeko.

egittoIl Parlamento dell’Etiopia ha dato oggi all’unanimità l’ok alla costruzione su un ramo del Nilo della più grande diga idroelettrica dell’Africa.
L’Egitto non ha escluso l’opzione militare per impedirlo. Il Paese è infatti la grande scatola di sabbia che si vede nell’immagine a lato: fittamente popolato, ricava dal Nilo praticamente tutta la sua acqua, si trova a valle della diga e la portata del fiume sarebbe almeno per alcuni anni sensibilmente ridotta.
Siamo abituati alle guerre per il petrolio, sempre più difficile da estrarre e più costoso: è il famoso picco del petrolio di cui risente anche l’economia italiana. Le minacce di guerra per l’acqua non devono ahimè stupire, dal momento che – l’ho scritto già anni fa – siamo arrivati anche al picco dell’acqua, nel senso che il genere umano già usa la metà dell’acqua dolce disponibile: il cosiddetto sviluppo può alimentarsi solo attingendo l’acqua residua, la più difficile da conquistare e da sfruttare.
Dopo il “continua”, una grande cartina illustra lo scenario e i dettali della contesa. Prima però una chicca tutta italiana: a costruire la diga in Etiopia (4,7 miliardi di dollari) è stata chiamata la Salini, che da poco controlla Impregilo.
bacino del nilo e diga reinassanceQui accanto vedete (in azzurro) il bacino del Nilo e tutti i Paesi che vi si affacciano. La cartina è tratta da un vecchio numero di Limes.
Ho aggiunto una freccia rossa per indicare il tratto del Nilo Azzurro sul quale l’Etiopia vuol costruire la sua diga, che ha battezzato “Grand Ethiopian Renaissance Dam”.
In basso (da Geocurrents) l’ingrandimento della zona della diga con l’enorme lago artificiale da creare alle sue spalle per garantire il flusso d’acqua destinato a mantenere in movimento le turbine che genereranno l’energia idroelettrica: 63 miliardi di metri cubi d’acqua, salute!, per garantire una produzione di energia elettrica pari a 15.000 Gwh all’anno.
Quanti anni ci vorranno prima che il Nilo Azzurro riempia il lago artificiale e torni a portare la solita quantità d’acqua al ramo principale del Nilo ed all’Egitto?
Tre-cinque anni, stima International Rivers: ed in questo periodo l’Egitto avrebbe circa il 25% di acqua in meno per dissetare i suoi 85 milioni di abitanti e per irrigare i campi dai quali dipende il loro cibo. E’ questo il motivo della contesa.